lunedì 19 settembre 2016

Maternatura Spray Volumizzante Capelli Sottili Con The Verde e Fluido Modellante per Capelli Ricci con Miele: recensione. | Il Mondo di Ciulla|

Quando in commercio escono nuovi prodotti per capelli, il mio cervello va in tilt e non ci capisce più nulla. Li comprerei tutti subito, a scatola chiusa, a costo di beccare sòle e svuotarmi il portafoglio senza ritegno.
Come ricorderete, quest'anno ho voluto fare la pazzia di decolorarmi le punte dei capelli per poter ottenere colori stravaganti: inutile dire che mi sono giocata tutte le lunghezze e ho dovuto tagliarli dopo 6 mesi.
Ammetto che un po' mi mancano, ma il mio colore naturale mi dona decisamente di più: quindi ho ricominciato a prendermene cura in modo serio, per non far sfibrare le punte.
Maternatura, recentemente, ha dato vita a ben 4 nuovi prodotti per capelli: quando me li sono ritrovati davanti nel meraviglioso negozio di Silvia EcoArmonie, non ho potuto resistere a due di questi! 
Sto parlando dello Spray Volumizzante Capelli Sottili Con The Verde e del Fluido Modellante per Capelli Ricci con Miele: insieme ad essi, sono stati presentati anche lo Spray Lucidante Anticrespo Con Equiseto e l'Impacco Capelli Rivitalizzante alla Passiflora, che acquisterò prossimamente! 
Ripeto, per chi non lo sapesse, che ho dei capelli non troppo fini ma secchi e un po' piatti: un mosso indefinito, che diventa riccio se li lascio asciugare all'aria o con diffusore e prodotti per lo styling.
Le mie esigenze sono di avere un po' di volume sulla cute perché sono sempre un pochino piatti e disciplinare il mosso senza averli eccessivamente crespi: da questo deriva la mia scelta dei due prodotti che vedete in foto.
Sono una fan dei prodotti Maternatura, anche se non ne ho provati tantissimi, quei pochi fidati che ho acquistato mi sono piaciuti tutti: spero di poter colmare le lacune il prima possibile, perché la mia wishlist è infinita e vorrei portare a casa tutti questi deliziosi flaconcini.
Come vi dicevo in altri articoli, adoro lo stile provenzale, quindi ogni volta che mi ritrovo davanti i cosmetici Maternatura non ci capisco più nulla e infilerei roba random nel cestino, solo per i packaging accattivanti.
Vi premetto che mi sono piaciuti entrambi tantissimo, quindi se non volete cadere in tentazione, vi avverto che farete molta fatica.
Il Fluido Modellante per Capelli Ricci con Miele nasce appunto per ravvivare capigliature ricce o mosse, sia dopo il lavaggio, ma anche nei giorni a seguire.
La confezione ha un forellino un po' troppo piccino per i miei gusti, avrei preferito magari un erogatore airless con foto di uscita più ampio: vista la consistenza molto viscosa, quasi come marmellata, sarebbe stata più indicata. Ma ciò non ne pregiudica assolutamente la resa e la qualità del prodotto.
La consistenza così gelatinosa, è dovuta alla presenza di glicerina e succo di Aloe Vera: che riescono a far arricciare o modellare i capelli più predisposti, senza irrigidirli o seccarli.
Questo Fluido Modellante per Capelli Ricci con Miele grazie appunto al suo scopo di modellare il capello, riesce anche a contrastarne il crespo e lucida tantissimo le lunghezze.
Io personalmente, lo utilizzo quando lascio asciugare i capelli all'aria o con diffusore: noto in modo tangibile come i miei capelli rimangano più in piega nei giorni a seguire, si smontano con meno facilità (e ricordatevi che porto il casco per tante ore al giorno).
L'odore è leggermente alcolico, ma una volta applicato sui capelli non si nota o percepisce più nulla perché evapora.
Applico questo Fluido su capelli ancora bagnati ma tamponati, solo sulle lunghezze, anche in quantità generose: non appesantisce assolutamente i capelli perché non ha ingredienti particolarmente nutrienti o oleosi.
Ma il Fluido Modellante per Capelli Ricci con Miele è adatto anche da utilizzare nei giorni a seguire rispetto al lavaggio dei capelli: proprio perché non appesantisce o irrigidisce la chioma, quindi può essere usato come un gel o una "spuma" rivitalizza ricci!
Passando invece allo Spray Volumizzante Capelli Sottili Con The Verde preparatevi che devo scrivere un ode a questo prodotto e chiedo gentilmente a Maternatura di fare una confezione speciale per me da LITRO!
Ammetto che ancora non ho trovato un prodotto che mi pompi bene la cute, ma soprattutto mantenga un po' il volume, ma questo qui ragazzi miei, lucida i capelli come niente mai ha fatto in vita mia.
Faccio ammenda, dicendo che visto il profumo estremamente invitante, ogni volta devo fermarmi perché altrimenti applicherei una boccetta a lavaggio.
Non so se conoscete il profumo di Guerlain Tea Azzurra (che è uno dei miei preferiti di quest'estate) ma ha esattamente lo stesso profumo: sa di fresco, di te verde appunto ma sento anche qualcosa di fiorito. 
Diciamo che l'effetto volumizzante sui miei capelli piatti e anche un po' pesanti non dura tantissimo, anche se appena asciugati è tangibile, ma la cosa sconvolgente è la lucidità e compattezza del fusto.
Grazie all'estratto di  Caffeina e The Verde, questo Spray Volumizzante Capelli Sottili attua anche un'azione rinforzante e anticaduta.
Posso dire che ho notato la differenza da quando ho comincio ad utilizzare questo Spray, noto come stiano crescendo più in fretta (ho dato un taglio netto un paio di mesi fa e sono già ricresciuti tantissimo quasi 8 cm in due mesi) ma soprattutto lucidi e forti. 
Qui la confezione invece è impeccabile, spruzza in modo perfetto il prodotto sui capelli e nelle giuste quantità: sebbene io abbia le mani di pasta frolla e sia volata più di una volta, non ha accusato assolutamente i colpi ed è ancora perfetta.
Non so che accidenti ci sia così di affine con i miei capelli, ma sto già correndo a comprarne un'altra confezione perché non posso assolutamente rimanerne sprovvista.
Anche a questo giro, Maternatura, ha colpito nel segno: ora sono molto curiosa per gli altri due prodotti usciti, ma al momento sono piena di maschere ed oli e quindi preferisco smaltire qualche cosa.
Voi avete provato questi prodotti? Che ne pensate?
Alla prossima,
Giulia.

venerdì 16 settembre 2016

MUTATIONS Collection Neve Cosmetics: anteprima e swatches. | Il Mondo di Ciulla |

Approfitto del giorno di ferie che mi sono presa, per presentarvi finalmente la nuova collezione di Neve Cosmetics.
Visto che con l'ultima non sono riuscita ad arrivare in tempo, mi sono ripromessa che non deve succedere mai più: sia perché mi pare il minimo per "ricompensare" l'azienda, sia perché a me piace tantissimo scattare foto, soprattutto quando si parla di collezioni intere e coloratissime.
Neve Cosmetics non se ne sta con le mani in mano, quindi dopo il recente lancio delle nuove matite occhi Wild Eyes, ha sfornato una collezione BOMBA.
MUTATIONS è composta da:
  •  una palettina componibile Limited Edition (5,90 €)
  • 6 cialde, tra cui un illuminante ed un blush (prezzo di 4,20 €, tranne Human che ha un costo di 5,80 €),
  • 4 Pastello Labbra (4,80 €),
  • 6 Pastello Occhi (4,80 €)
Il concept di tutta la collezione, si focalizza sul fatto che ogni colore può essere sovrapposto, in modo da creare tonalità inedite ed ibride: ciò ne fa derivare una bellezza utopica, quasi irraggiungibile.
C'è da dire che Neve Cosmetics cerca sempre di stupire con le sue collezioni: soprattutto hanno dato ascolto alle numerose richieste (tra cui c'era anche la mia) di creare nuove cialde ombretti, visto che gli ombretti minerali sono sono molto pratici e veloci da utilizzare.

Visivamente, MUTATIONS, è una collezione che colpisce per la molteplicità di sfumature di colore, le texture e i finish diversi di ogni prodotto presentato.
Ammetto che è stato un piacere fotografarla, perché i colori creano un armonia quasi eterea tra di loro: partendo appunto, dalle cialde compatte, potete vedere come ci sia un filo conduttore tra i colori.
Mi piace che Neve Cosmetics abbia pensate anche a blush ed illuminante: non ne ho mai fatto mistero, ma le loro polveri compatte mi piacciono veramente tanto, tant'è che periodicamente se ne aggiunge qualcuna alla mia collezione.
Da qui il mio appello al brand, per lavorarci con più costanza e proporne sempre di nuove.

  • Robot: finish opaco, taupe grigio.
  • Ufo: finish metallizzato, borgogna.
  • Human: finish metallizzato ed iridescente, rame/marsala.
  • Pill: finish opaco, albicocca pastello.
  • Future: finish opaco, lilla pastello.
  • Newton: finish metallizzato quasi duochrome, base ghiaccio iridescenze lilla.
L'unico colore che forse non utilizzerei con soddisfazione è Future, ma tutti gli altri sono nelle mie corde tant'è che li ho già infilati tutti nella palette come potete vedere.
Sono i colori della mia comfort zone, possono dare vita a svariatissimi look: Newton è un illuminante magnifico, freddo e che rende qualsiasi ombretto particolare se usato come top coat, valido anche per i rossetti per creare look stravaganti e alla moda.
Human ed Ufo sono assolutamente TOP, io fossi in voi non me li farei scappare: soprattutto se siete neutro calde o calde, sono colori da avere.
Come avete potuto immagine, gli ombretti Neve Cosmetics di questa nuova collezione MUTATIONS mi piacciono praticamente tutti e non vedo l'ora di poterci cominciare a giocare. 
Passando oltre, arriviamo alla sezione labbra: Neve Cosmetics ci propone 4 nuovissime Pastello Labbra, amate da tantissima gente, me compresa.
Ci sono alcuni colori particolari, mentre altri sono sicuramente più portabili:
  • Alternative: è un rosa malva chiaro e decisamente freddo, quindi adatto a ragazze poco profonde e vellutate. 
  • Experiment: il colore più particolare della collezione, difficilmente portabile e adattabile, ma per chi adora i colori stravaganti e inusuali non può non averlo. Si distacca molto dalla sfera dei miei colori, perchè oltre ad avere un'alta percentuale di bianco al suo interno, è molto grigio e spento 
  • Delirium: rosso profondo, con una punta di amaranto, è sicuramente la tonalità più sexy della collezione. Sicuramente lo utilizzerò di sera, con un look molto minimal ma con base perfetta: riesce ad essere prezioso senza bisogno di tanti fronzoli di contorno.
  • Confusion: tonalità preferita da me medesima, mai mi sarei aspettata che Neve Cosmetics mi tirasse fuori dal cappello un colore così bello. E' un ruggine, quindi caldo, che ricorda tantissimo le foglie appassite in autunno. Adoro all'ennesima potenza!
Infine, troviamo ben 6 Pastello Occhi, che hanno tutte la "nuova texture": ovvero mina scriventissima e per nulla sbrodolosa.
Come vi avevo detto qui, Neve Cosmetics ha cambiato la formula delle Pastello Occhi: sono molto più durature e pigmentate.
Queste proposte nella collezione MUTATIONS, sono tutte opache e alcuni colori sono molto particolari e stravaganti.
  • Opposite: rosa malva, secondo me si adatta bene anche come contorno labbra (vista la durezza lo sconsiglio come rossetto),
  • Distortion: rosso borgogna, freddo e adattissimo anche lui come contorno labbra o da utilizzare su tutte le labbra ma con un buon burrocacao per idratarle.
  • Reversal: lilla talmente chiaro, che sembra quasi bianco! 
  • Illusion: un albicocca pastello chiarissimo.
  • Serendipity: verde acqua fluo e chiarissimo, un colore estremamente pop.
  • Paradox: verde bottiglia scurissimo, che sembra quasi un grigio fumo! 

Questa è tutta la collezione MUTATIONS, nel week-end spero di poterla provare in modo decente in modo tale da riuscire anche a sfornare qualche look (per rimanere in tema, sarebbe quasi un'utopia) ma da quel poco che ho provato sembra promettere bene.
Vi ricordo che in offerta lancio sul sito ufficiale di Neve Cosmetics al 15 % fino al 27.09.2016!
Alla prossima,
Giulia.
This entry was posted in

mercoledì 14 settembre 2016

Il mio Sana 2016: novità ed incontri. | Il Mondo di Ciulla |

Tornare a scrivere dopo quasi due mesi di assenza non è assolutamente facile, ma sento il bisogno di mettere nero su bianco tutte le emozioni a ridosso della fine di questo Sana.
Non nego che mi sento terribilmente in colpa per la sorte di questo blog: sono combattuta, perché nonostante siano ormai 6 anni che faccio parte di questo mondo per me spensierato, non riesco più a starci dietro e non riesco a trovare il tempo per curarlo a dovere. 
Ma quando penso se chiudere tutto o no, mi viene il magone perché quando ero presente H 24 ci ho dedicato anima e cuore: cosa che ho capito maggiormente, soprattutto, dopo questo Sana
Incontrare gli amici che vedo in pochissime occasioni perché la lontananza ci rema contro, essere fermata anche solo per un saluto e sentirsi dire "ti leggo sempre!", ricevere complimenti dalle realtà con cui ci sono stati scambi non solo "professionali" mi ha dato un po' di carica e un po' di consapevolezza: devo riuscire a continuare e mandare avanti questo spazio, perché me lo devo.
Prima di cominciare a raccontarvi la mia esperienza, mi pare doveroso salutare le mie amiche befane che come sempre mi hanno accompagnata in questo mini week-end a Bologna: Stefania e Camilla, che forse insieme a poche altre persone, sono uno dei motivi per cui tengo ancora aperto questo spazio.
Non è facile mantenere e stabilire un'amicizia, quando ci sono tanti chilometri che ci dividono: ma nonostante non riusciamo a vederci tanto spesso, sento di voler bene a quelle due cretine che mi cazziano troppo poco per la testa bacata che mi ritrovo.
La smetto di essere estremamente diabetica e comincio subito con la prima polemica, altrimenti non sarei io. Anche stavolta, Bologna Fiere, si aggiudica il primato come organizzazione poco chiara, in quanto ho dovuto pagare l'ingresso perché sul pass omaggio che avevo gentilmente ricevuto, non c'era scritto che tale pass era valido per un solo ingresso.
Dopo aver mostrato tutta la mia vena acida alla sportellista alle biglietteria, facendole presente che as always si spiegano malissimo e mettono clausole in fase di convalida che NESSUNO VEDE (visto che eravamo una trentina di persone con lo stesso problema) ho deciso di volerci passare sopra: ma Bologna Fiere, hai seriamente tutto il mio disprezzo.
A tal proposito, ci tengo a ringraziare Giulia ed Alma Briosa per avermi permesso di partecipare a questo Sana: vi parlerò presto di alcuni loro prodotti, perché li sto provando da un paio di mesetti e sono molto validi.
Alma Briosa, è una piccola e giovane azienda, che produce tantissime linee diverse, per viso e corpo, naturali e biologiche.
Per il Sana, Alma Briosa, ha presentato una nuovissima linea, che uscirà a breve (fine ottobre), chiamata Wonder 4 Skin che è composta da prodotti che contengono dal 95% al 99 % da ingredienti vegetagli da agricoltura biologica. Gli estratti che la fanno da protagonisti sono quello di Olio di vinacciolo dai Semi di Uva, Estratto glicerico di Foglie di Vite rossa ed Estratto secco di Frutto d'Uva: ai quali si aggiungono estratti di Elicriso e Thè Verde, Olio Essenziale di Pompelmo, Aloe, Argilla Rossa, Burro di Mango e Cacac etc.
Giulia ci ha spiegato nel dettaglio le 5 referenze che faranno parte di questa linea, posso anticiparvi che il Burro  Viso e l'Olio Bifasico ci servono assolutamente: per non parlare per il profumo fresco e agrumato che hanno, dovuto appunto all'Olio Essenziale di Pompelmo.
I 5 prodotti che usciranno sono:
  • Burro Viso Rigenerante WonderBurro (37,50 €),
  • Maschera Viso Illuminante WonderMaschera (19.90 €),
  • Olio Bifasico Nutriente WonderOlio (29,90 €),
  • Docciaschiuma Equilibrante WonderBagnodoccia (14.90€)
  • Balsamo Labbra Rigenerante WonderBalsamo (8,90 €).
Uno stand in cui ho passato parecchio del tempo trascorso in fiera, è stato sicuramente quello di PuroBIO Cosmetics: che a mio avviso, era tra uno dei più belli ed allegri. 
Arrivata allo stand sono stata accolta dalla dolcissima Silvia, che finalmente ho avuto il piacere di poter abbracciare e con la quale ho scambiato 4 chiacchiere: inutile dire che persona piacevole, disponibile e dedita a suo lavoro al 100 % sia.
Non ha negato un sorriso o una parola a nessuno, spiegando con estremo carisma tutte le novità che usciranno a brevissimo.
Anche per quest'anno PuroBIO Cosmetics si aggiudica il premio per aver presentato così tante novità e si riconfermano attentissimi ai consigli e alle richieste dei clienti.
 
Usciranno infatti: ben 3 nuovi pennelli, una gamma infinita di rossetti e matite labbra abbinati, una nuova cipria in polvere libera ad alta definizione, un mascara e 5 ombretti. 
Inutile dire che fremo solo all'idea degli ombretti (che sono tra i miei preferiti e prestissimo vi beccherete una recensioni su tutti quelli che sono presenti in gamma ad oggi) e mi ispirano anche i pennelli ed il mascara, oltre ai rossetti in qualche colorazione.
Non ci resta che aspettare pazientemente il lancio ufficiale di tutta la nuova linea, che ci sarà a brevissimo.
Passando oltre, potevo non passare dai miei cari amici di Biofficina Toscana?!?! Certo che no! Anche se quest'anno il tempo per stare assieme è stato veramente poco e ci siamo dimenticati di immortalare il momento, è sempre un piacere scambiare 4 chiacchiere con quei toscani lì.
Soprattutto quando ci sfornano un nuovo Scrub Corpo al Melograno, che era già acquistabile in fiera e che quindi a brevissimo sarà disponibile anche presso tutti i rivenditori ufficiali.
La consistenza e l'aspetto sembrano quelli di una marmellata di fichi, tant'è che come per il fratello ai Frutti Rossi, mi viene voglia di spalmarlo sul pane e mangiarlo. 
La particolarità di questo nuovo Scrub Corpo al Melograno è che oltre ad esfoliare, deterge anche in modo molto delicato: soprattutto, l'azione esfoliante, è data da granuli bio di melograno, bicarbonato, zucchero e sale marino che creano un mix di granulometrie diverse che non aggrediscono e graffiano la pelle.
Come al solito i Biofficini (Nicola sto parlando soprattutto di te, sappilo) sono stati così gentili da regalarmene una confezione per poterlo provare! Ci aggiorneremo in seguito, quando avrò avuto modo di aprirlo e provarlo.
Ringrazio quindi Nicola, Claudia, Eva e Sergio perché come sempre oltre alla compagnia, ci hanno offerto acqua quando ne avevamo bisogno, una sedia per le gambe martoriare dai km percorsi in fiera e soprattutto per il deposito bagagli!
Saluto anche Beatrice, che ha lavorato allo stand di Biofficina Toscana nel padiglione 29, un amore di ragazza che dal vivo è ancora più bella che in foto! 
Anche quest'anno, poi, sono passata a trovare Luigi di Naturaequa che ci ha intrattenute insieme ad Elena ed insieme ci hanno illustrato le novità che hanno portato per questo Sana 2016.
La prima novità che ha catturato sicuramente la mia attenzione, sono stati sicuramente i nuovissimi Fruttalabbra: il packaging è un po' cheap per i miei gusti, ma l'idea mi piace assai.
Infatti manca nel commercio italiano, un prodotto del genere: ci sono di svariate marche, ma nel mondo del naturale e biologico quasi nessun brand italiano pensa mai ai burri di cacao colorati.

I Fruttalabbra sono presenti in 6 colorazioni: profumano tutti di vaniglia, ed ogni colore è associato ad un frutto diverso. E' tornato a casa con me Lampone, che mi è stato gentilmente regalato da Elena: ve ne farò sapere quanto prima, ma sono molto carini da indossare quando non si ha voglia o tempo di rossetti importanti, ma se siete labbra cadaveriche dotate come me, questi prodotti sono una manna!
Altre novità presenti allo stand Naturaequa sono il Bagnodoccia e la Crema Corpo nella profumazione Mille Voglie: che ammetto non avermi fatto gridare, ma trovo comunque interessante e per nulla stucchevole.
Per me che preferisco profumazioni fiorite e fruttate, la nota tanto limonata e poi dolce non è proprio l'accoppiata vincente per il mio naso.  
Procedendo nella passeggiata tra gli stand, ci siamo imbattuti nello Essere, dove ho potuto snasare e provare tutte le novità presentate durante il Sana: inutile dire che avrei voluto comprare tutto, ma purtroppo non vendevano.
Dopo che l'hanno scorso, mi sono innamorata della Maschera Vaniglia e Cocco per capelli, dopo questo Sana mi è nato un nuovo bisogno: l'Acqua Micellare che ha un profumo di pulito e sembra anche valida da quel poco che ho potuto vedere.
Insieme allo struccante, sono state presentate due Creme Viso: quella Antirughe e la versione invece Idratante, entrambi con profumi ottimi e dalle consistenze interessanti.
Ci siamo poi spostati nel padiglione 29, dove ammetto avrei comprato più cose se solo gli addetti agli stand fossero stati più svegli: vedere la poca voglia di servire la gente, mi fa passare tantissimo la voglia di comprare e preferisco tenere i soldi nelle tasche.
Ma questo non è stato il caso de La Saponaria, che ho avuto finalmente modo e piacere di poter vedere i titolari che hanno servito tutti con estrema cordialità e professionalità.
Come sapete, La Saponaria e Biofficina Toscana sono stati i primi due brand che mi hanno fatto avvicinare al mondo della cosmesi naturale, quindi sono "affezionata" ai loro prodotti.
La Saponaria ha presentato ben tre novità per i capelli; un leave-in Moringa e Lino, due balsami a risciacquo: uno nutriente e ristrutturante Moringa e Girasole, mentre uno volumizzante e districante Moringa e Limone.
Uno degli ultimi stand che ho visitato, insieme ai miei amici, è stato quello di Maternatura che ogni anno non delude le aspettative e rispetta lo stile provenzale, che io personalmente amo tantissimo.
Maternatura, dopo il recente lancio di 4 nuovi prodotti per capelli (un paio li ho presi tempo fa e devo parlarvene assolutamente), ci propone una linea di Creme Mani dai profumi paradisiaci: ammetto che avrei voluto portarne a casa qualcuna con me, ma è un cosmetico che uso veramente poco.
Mi scuso se non sono riuscita a passare in alcuni stand, dovevo avevo promesso di affacciarmi anche solo per un saluto: ma la domenica ho preferito trascorrere tempo con le persone che non riesco a vedere quasi mai .
Questo Sana è stato un po' più speciale rispetto a quello dello scorso anno, perchè dopo 4 anni ho potuto finalmente abbracciare, la prima persona a cui mi sono affezionata grazie a questo spazio: Elenia!
Dopo anni di chiacchiere e spettegolamenti vari, gioie e dolori condivisi, ho potuto toccare la nanità della mia moglie paperosa: alla faccia di chi dice che non ci si può conoscere attraverso un computer, posso dirvi che tra di noi non c'è stato imbarazzo e mi sembra ormai di conoscerla da una vita.
Una menzione speciale anche al mio cuore Pietro, con il quale ci ammazziamo sempre dalle risate e il tempo passato assieme vola.
Da qui in poi partirà una carrellata di foto, fatte un po' a cavolo in fiera, perché a fine giornata eravamo tutti massacrati e distrutti dai km percorsi tra un padiglione e l'altro.
Partendo da me: Francesco di Essere Bio, Pietro, Licia, Elenia e Gianfranca (mitica!)

Sullo sfondo con la camicia a righe, Josephine di Cose della Natura, davanti Gianfranca, Elenia, Pietro e  me medesima.
Elenia, Gianfranca, Kikka, Luca, Pietro e me.
Me, Giorgia, Laura, Pietro ed Ornella.
Con Tathia aka Antonella! 
Trio befane con Emi di Cosmetici Ecobio
Grazie di cuore per il tempo trascorso, mi scuso se non vi ho citati tutti e tutte ma siete stati veramente tantissimi!
Il prossimo anno spero di poter dedicare un giorno in più alla fiera, in modo tale da poter fare tutti i giri con calma e poter passare da tutti per un saluto.
Il bottino non ve lo mostro, perché ho preso poca roba e scontata: quindi mano mano che leggerete le recensioni capirete cosa ho comprato in questo Sana 2016.
Alla prossima,
Giulia.

lunedì 25 luglio 2016

Wild Eyes Pastello Occhi Neve Cosmetics: swatches e prime impressioni. | Il Mondo di Ciulla |

Ultimamente, non sto dietro a tutte le nuove uscite, soprattutto per quanto riguarda Neve Cosmetics nell'ultimo periodo ho proprio battuto la fiacca.
Quindi, visto che Ilaria è sempre molto gentile e soprattutto comprensiva, ho deciso che devo rimboccarmi le maniche e ripagare la gentilezza e la costanza che dimostra nei miei confronti.
Qualche giorno fa, sul sito ufficiale di Neve Cosmetics e presso i rivenditori che hanno deciso di rivendere questa nuova collezione, è comparsa la Wild Eyes: mini collezione comprendente 4 nuove colorazioni di Pastello Occhi.
Sapete che non mi faccio problemi a dire quello che penso, quindi sapete che queste matite non sono assolutamente tra le mie preferite: le ho sempre trovate poco performanti e soprattutto molto volatili! Quindi sono partita molto prevenuta e poco entusiasta vedendo anche le colorazioni che non sono proprio le mie preferite: già uso poco le matite, soprattutto di colori così particolari e mirati.
La nuove Pastello Occhi Wild Eyes nascono prendendo ispirazione a 4 animali selvatici :

  • Quokka: un marrone caramello decisamente caldo,
  • Narwhal: azzurro ciano quasi fluo da quanto è intenso,
  • Kea: verde bosco profondo,
  • Armadillo: grigio ghiaccio e ceruleo molto freddo.
Tra le 4 colorazioni proposte, Kea e Quokka sono le uniche due che mi sono ritrovata ad utilizzare: purtroppo gli altri due colori poco si accostano alle tonalità che utilizzo e mi donano. 
Come vi accennavo, non sono mia stata una fan delle Pastello Occhi, ma ho notato un cambio netto nella formulazione: a parte i colori che sono molto più brillanti e meno scivolosi, la durata è decisamente migliorata.
Mi piace il fatto che siano molto opache, ma soprattutto che riescono a sfumarsi: con le vecchie e poche Pastello Occhi che posseggo, questo passaggio non è possibile. 
Perchè quando si va sul prodotto per sfumarlo, esso svanisce nel nulla risultando nullo lo step: ma con queste nuove Wild Eyes, posso affermare che ho fatto quasi fatica a struccarle dal braccio dopo una ventina di minuti, perchè si asciugano e si fissano abbastanza bene.

Confermo che Neve Cosmetics ha migliorato la formula delle Pastello Occhi, spero che in futuro propongano colorazioni diverse sempre con questa texture e dal finish opaco perché si stanno rivelando molto valide.
Ho fatto una prova con Kea, applicandola nella rima inferiore e sfumandola senza fissarla e con il caldo tropicale che c'è stato in questi giorni posso assicurarvi che non mi sono ritrovata con la matita colata. 
La cosa che Neve Cosmetics ha azzeccato, è stato il cambiare formulazione per far risaltare ancora di più i loro ombretti minerali che sappiamo tutti essere un po' ostici e antipatici da utilizzare.
A tal proposito, come qualcuno mi ha suggerito sul mio profilo Instagram, ho voluto mostrarvi come una base colorata può cambiare completamente la resa di un ombretto.
Spesso mi chiedete come nei miei make-up riesca a far uscire tutti i riflessi e a rendere i colori così intensi e brillanti: oltre, ovviamente, ad una manualità che si acquisisce con anni ed anni di pastrocchi, il più lo fanno i pennelli giusti ma sopratutto i primer e le basi colorate.
Quindi se avete difficoltà, potete notare nella foto seguente, come le nuovissime Pastello Occhi Wild Eyes fanno risaltare tantissimo gli ombretti che vengono applicati sopra.
L'ho notato soprattutto con le cialde Veleno ed Abracadabra sempre di Neve Cosmetics: escono fuori, ancora meglio, sia la base che i riflessi duochrome che hanno al loro interno.
Concludo dicendo che sì, stavolta mi sono ricreduta del tutto nonostante partissi già scoraggiata: Neve Cosmetics ha lavorato alla formula delle Pastello Occhi, migliorandola nettamente.
Confido solo in colori più "versatili" con la stessa qualità e finish!
Potete già trovare le nuove Pastello Occhi Wild Eyes sul sito ufficiale, in offerta lancio fino al 28/07/2016 al prezzo di 3,84 € per matita.
Alla prossima,
Giulia.

sabato 23 luglio 2016

Rossetti Antos Cosmesi: recensione, swatches e applicazione. | Il Mondo di Ciulla |

L'avrete capito ormai, che nel week-end cerco anche di dedicarmi il più possibile al blog: ma le giornate sono fatte solo da 24 ore e non avendo ferie, sono gli unici giorni della settimana in cui posso dedicarmi ad amici, famiglia, svago e cose che non riesco a fare durante la settimana lavorativa.
Nonostante il periodo FAIL che ho passato in queste ultime settimane, per cose che non sto qui a raccontarvi, ho riprendo il controllo della mia vita e del mio cervello e sto meglio.
Quale modo migliore di tornare (sporadicamente eh, non vi prometto più cose che non posso mantenere), se non con dei rossetti?!?!
Come vi dico da 5 anni ormai, io a 14 anni ho voluto il mio primo rossetto rosso: e li è stato l'inizio della fine. E' una vita che non conto i rossetti che posseggo, ma ho sforato il centinaio già da parecchio tempo: quindi, quando il mio caro amico Gian Luca di Antos Cosmesi mi ha contattata per farmi provare un tester della linea che sarebbe poi uscita un anno dopo, non ho potuto che acconsentire.
Questo per farvi capire quanto lavoro e studio c'è dietro ogni singolo prodotto: non è cosa semplice creare prodotti nuovi, che sposino la filosofia che adottiamo, ma soprattutto che comunque soddisfino anche il lato qualitativo, che risulta essere quello più importante alle fine dei giochi.
Altra premessa che mi sembra doverosa fare:  anche se ho ricevuto in regalo questi rossetti, non ci andrò leggera, sia perché Gian Luca è già al corrente del mio pensiero, sia perché mi sembra più che doveroso fare delle considerazioni.
 Partiamo ad analizzare il packaging, cosa che ha sempre diviso la clientela sui prodotti Antos: c'è chi non fa caso a queste cose, chi invece lo mette tra i fattori che possono influire sull'acquisto di un prodotto o meno.
Antos Cosmesi, stavolta ha lavorato anche sul packaging: che risulta appunto molto grazioso alla vista, ma anche molto solido qualitativamente.
Il bullet è prodotto con una plastica che ha derivazione vegetale, quindi è biodegradabile: ma la cosa che sicuramente colpisce, se siamo abituati all'essenzialità dei pack che Antos Cosmesi ci propone, è sicuramente la grafica che seppur minimal è comunque molto graziosa.
I pois verdi coprono tutto il bullet dei rossetti ed oltre al logo del marchio, abbiamo una frase che ogni persona dovrebbe sempre tenere a mente "..ed ora sorridi e sii felice.."; cosa che ho apprezzato tantissimo. 
Il meccanismo che fa comparire il prodotto, funziona alla perfezione in ogni bullet, anche a distanza di mesi: cosa da non sottovalutare, perché ho un paio di rossetti molto costosi (Chanel maledetta parlo di te) che sono diventati quasi inutilizzabili perché non viene più su il prodotto in modo consono.
Il tasto dolente, purtroppo, sono le colorazioni: tra le 6 proposte ne salvo 3 ma con qualche riserva, mentre le altre 3 non riesco a capire come possano donare al 95 % della popolazione.
Non utilizzerò mezzi termini, ma purtroppo 3 colori non li utilizzo e non li utilizzerei mai: oltre ad essere molto poco democratici, li trovo così antichi e non penso possano stare bene a più di 5 persone sulla faccia della terra.
Il peggiore dei 6, sempre per il mio parere personalissimo, è Angelina: ma purtroppo, noto con estremo dispiacere,  che questi rossetti rosa barbie lattiginosi vanno ancora di moda, perché anche solo nel mio ufficio ho due persone che si ostinano a comprarli e metterli.
Il fattore che tampona un pochino la situazione, è sicuramente la texture molto sheer ed idratante: se Angelina però avesse avuto la coprenza di Vulcano avrei sicuramente ribaltato la scrivania.
Gli altri due colori, decisamente no, sono Ballerina e Miele, che oltre evidenziare anche la minima imperfezione sulla superficie delle labbra, trovo siano due colorazioni troppo chiare e poco valorizzanti: anche se come vi accennavo, la texture gioca un pochino a loro favore, perché sono estremamente modulabili e idratanti.
Bacio di Dama è un colore che può adattarsi su diverse persone, ma anche lui fa il giochino dei fratelli più chiari: ovvero quello di evidenziare un pochino le pellicine che magari ad occhio nudo e labbra struccate non notate.
Ma come sapete, un paio di volte a settimana, se siete frequenti utilizzatori di prodotti labbra, è sempre bene esfoliare la zona ed idratarla a dovere per prevenire questi piccoli inconvenienti che risultano poi antiestetici.

Fragore è decisamente più pigmentato di tutti gli altri che vi ho appena nominato, ed è un bel fucsia freddo stratificabile e che può essere reso più vivace applicandolo su una matita analoga per amplificarne il colore.
Infine troviamo Vulcano, preferitissimo e il più utilizzato da me tra tutti i colori proposti: è un rosso medio, freddo e fragoloso, ma che risulta bello pieno e coprente: leggermente più asciutto è quello che insieme a Bacio di Dama, si aggrappa meglio alle labbra.
Come vedete nel collage che segue, le prime tre colorazioni fanno uno stacco terribile con il mio colorito (anche Fragore e Vulcano se vogliamo essere pignoli): ma Angelina più di tutti, rende la pelle grigissima e spenta e si nota tutto il bianco che ha dentro, vista la sfumatura quasi celeste che dona alle mie labbra! 
Tutti i rossetti sono stati applicati con uno strato abbondante perché le mie labbra sono mediamente pigmentate e ci vuole un pochino per coprirle, ma come vedete nessuno dei colori fa strato o comunque rilascia striature di prodotto.
La profumazione è molto delicata e semi dolciastra: a me ricorda molto le caramelle mou con una punta di vaniglia, ma rimane poco prepotente e soprattutto evapora a pochi minuti dall'applicazione.
La texture quindi, come vi ho accennato, non è uguale per tutti: sono sicuramente poco coprenti (ad eccezione di Fragore e Vulcano), ma nascono proprio per essere rossetti emollienti e dalla facile stesura ed applicazione.
In un'era in cui il super opaco è ormai all'ordine del giorno, ci siamo dimenticati la bellezza delle labbra un pochino glossy e lucide.
Se non amate l'effetto lucido, comunque esso scompare con il passare delle ore diventando leggermente più opaco: questo è dovuto dagli oli che nutrono la pelle e che quindi penetrano in profondità lasciando spazio al pigmento che ormai ha aderito alle labbra.
La durata, per quanto riguarda la fila in basso (con i primi tre non ho mai avuto coraggio ad uscirci, mi dispiace veramente ma non ce l'ho fatta) è stata alquanto sorprendente: Vulcano lo metto tranquillamente la mattina alle 5.30 e lo strucco alle 15 quando torno a casa da lavoro.
Come sapete, facendo la postina, sono in motorino la maggior parte del tempo: parlo a manetta per 5 ore con la gente in giro, bevo parecchio e non ho mai riscontrato problemi con questo colore.
Bacio di Dama invece, rimanendo più trasparentino in partenza, tende a svanire più in fretta, ma per ogni colore che ho provato e che indosso, ho riscontrato che anche quando vengono struccati tingono comunque un po' le labbra.
Cosa che mi ha lasciata sicuramente entusiasta vista la formulazione naturale, arricchita con oli e burri vegetali che comunque non rendono questi rossetti sbrodolosi o scivolosi sulla pelle.











Concludendo, trovo questi rossetti molto validi nel campo della cosmetica naturale: anche se 3 colorazioni potrebbero anche togliere dal commercio, Vulcano, Fragore e Bacio di Dama sono tre colori sicuramente non imperdibili eh, ma comunque interessanti nella loro texture, performance e formulazione.
Meno male che Mister Antos sta lavorando a nuove colorazioni, sicuramente più glamour e accattivanti: speriamo solo non ci faccia aspettare troppo perché voglio mettere le zampe su un colore che ha scritto il mio nome sopra!
Il prezzo sul sito ufficiale è di 7.50 € e vi ricordo che avete anche un piccolo sconto cliccando qui .
Voi li avete provati? Li comprereste?
Alla prossima,
Giulia.

mercoledì 29 giugno 2016

Biofficina Toscana Olio Protettivo Lucidante e Crema Capelli Ristrutturante: recensione. | Il Mondo di Ciulla |

L'estate che tanto si è fatta attendere, è finalmente arrivata: c'è chi nonostante tutto lavora come gli altri mesi, chi sta affrontando esami e chi invece si sta già godendo il meritato riposo.
Quest'anno, per fortuna, io non potrò godermi sole e mare perché lavorerò, ma nonostante ciò qualche scappatina in spiaggia nei week-end conto di farla.
Come sapete, il mio feticcio più grande in campo cosmetico, riguarda sicuramente i prodotti per capelli: se poi ci aggiungiamo il fatto che i cari amici di Biofficina Toscana ne sanno una più del diavolo in fatto di prodotti per capelli, il gioco è fatto.
Non ho mai celato l'affetto che provo verso il marchio e verso le persone che fanno parte e danno vita a Biofficina Toscana: sono stati i primi a farmi avvicinare a questo tipo di cosmetica ma soprattutto, sono quelli che meno mi deludono in fatto di qualità dei prodotti.
Quindi, quando Nicola mi ha scritto per sapere come andasse e se per caso volessi provare le ultime due novità nate in casa Biofficina Toscana, non potevo certo tirarmi indietro, no?
Così, da più di tre mesi, sto utilizzando con soddisfazione sia l'Olio Protettivo Lucidante sia la Crema Capelli Ristrutturante e finalmente sono arrivata ad un verdetto per entrambi i prodotti.
I miei capelli sono strani, oltre ad averli decolorati parecchio per permettere di fare colori pazzi e fluo (presto verranno tagliati, visto che sono arrivati alla frutta), sono molto secchi sulle punte ma ho una cute delicatissima: quindi non posso permettermi di lavarli troppo spesso o di aggredire la pelle con prodotti troppo sgrassanti e purificanti.
Saltuariamente, soffro anche di una leggera dermatite, che tengo a bada con impacchi emollienti a base di olio di cocco e acqua che lascio in posa 30 minuti prima di lavare i capelli e massaggiando bene il mix di acqua ed olio sulla cute per permettere di ammorbidire e rimuovere le squame di pelle.
La Crema Capelli Ristrutturante è il prodotto che ho deciso di cominciare ad utilizzare per primo: visto l'amore che c'è tra me e la crema Ricci Morbidi, mi aspettavo grandi cose da questo nuovo prodotto.
La consistenza è molto viscida e liquida, che non trovo molto affine alla confezione: infatti, rimanendo capovolta, ogni volta che apro il tappo esce una quantità esagerata di prodotto, avrei preferito un altro packaging vista la consistenza della Crema.
Nonostante questo piccolo "inconveniente" il prodotto, sui miei capelli, lavora in modo eccezionale: come vi stavo appunto dicendo, le mie punte sono decolorate più volte a volumi molto alti, quindi sono molto sfibrate, spente e aride.
Applicando la Crema Capelli Ristrutturante dopo il lavaggio, su capelli ancora umidi ma ben strizzati, riesco a donare corpo alle punte vuote ma soprattutto a proteggerle e ad evitare che assomiglino a della paglia secca e morta.
Visto che siamo in piena stagione estiva, la potete utilizzare anche al mare: perché è ricca di antiossidanti e attivi brevettati che prevengono l'invecchiamento del capello e aiutano a mantenere idratato il fusto.
La profumazione ricorda tantissimo quella della mia adoratissima Lozione Anticrespo, quindi a metà tra il dolce e il fruttato, ma purtroppo non persiste tantissimo sul capello.
Trovo che questa Crema Capelli Ristrutturante sia più indicata per chi ha bisogno di dare una botta di vita ai capelli: anche se, come nel mio caso, quando si è andati incontro a decolorazione, nulla fa il miracolo, se non le forbici!
Mi piace soprattutto il fatto che non appiccichi e non irrigidisca i capelli: infatti, quando all'inizio abbondavo con le dosi, non ho mai riscontrato problemi di untuosità o ciocche ammassate tra di loro.
Questo la rendere adattabile anche per chi ha un capello tendenzialmente grasso o che si sporca facilmente.
A differenza della Ricci Morbidi, trovo che la Crema Capelli Ristrutturante funga alla grande su capelli bagnati e puliti, perchè nasce appunto come prodotto curativo e non da styling.
Il prezzo varia a seconda dei rivenditori, ma quello consigliato sul sito ufficiale è di 12,90 € per 100 ml di prodotto che vi dureranno un'eternità, vista la quantità ridicola che si utilizza!
Avendo intuito che la Crema Capelli Ristrutturante mi ha pienamente soddisfatta, possiamo quindi passare ad analizzare il secondo ed ultimo prodotto: l'Olio Protettivo Lucidante.
Dovete sapere, che io non ero una grande fan degli oli post lavaggio: perché o si conoscono alla perfezione i proprio capelli e si sa come dosare altrettanto attentamente le quantità, oppure si rischia di fare solo casini e ritrovarsi con i capelli che sembrano sporchi e non lavati da 10 giorni.
Per questo motivo, sono stata molto titubante nel cominciare ad utilizzare l'Olio Protettivo Lucidante, che ho infatti aperto quasi un mese dopo rispetto alla Crema Capelli Ristrutturante.
La confezione è molto graziosa, funzionale al prodotto in questo caso, comoda e anche super resistente: ho le mani di pasta frolla, ed essendo di vetro speravo non dovesse mai scivolare dalle mie mani.
Beh, posso dirvi che mi è volata un paio di volte dalle mani e non si è minimamente scalfita: forse sarà stata la gioia annuale che il karma mi ha concesso, fatto sta che è ancora tutta integra.
L'erogatore fa uscire la giusta quantità di prodotto, quindi riuscite a dosare in modo impeccabile l'Olio che vi occorre per il vostro tipo di capello e lunghezza.
E' stato amore dalla prima erogata: questo è lo slogan che potrei utilizzare se mai dovessi promuovere questo prodotto.
E' un olio sì, ma asciutto e per nulla unto: infatti, sembra proprio un mix di siliconi che vi spalmano nei migliori saloni di parrucchieri, invece se andate a vedere la formulazione è talmente semplice ma funzionale che ne rimarrete shockati!
Per come sono i miei capelli e data a loro lunghezza, non applico più di due erogazioni ben distribuite su tutte le lunghezze: tre già trovo che siano eccessive e che tendano ad opacizzare e ungere il capello.
Con mio sommo stupore, tra i due prodotti, l'Olio Protettivo Lucidante è quello che mi ha soddisfatta maggiormente: perché si è vero che lucida, ma lascia i capelli come seta e profumatissimi! Infatti non riesco più a farne a meno e sebbene la Crema non la utilizzi mai in combo, l'ho un po' accantonata con l'arrivo del caldo perché ho bisogno di una bella botta di vita che l'Olio riesce a donare ai miei capelli.
La confezione contiene 50 ml di prodotto per un costo consigliato di 14.90€!
Concludendo, vi dico che queste novità di Biofficina Toscana non hanno assolutamente deluso le mie aspettative, che per me rimane il brand must per la cura e lo styling dei capelli.
Ora però aspetto con ansia qualche novità viso, perché l'età avanza e le prime rughe sono dietro l'angolo (ciao Nico, tu sai di cosa sto parlando!).
Vi aspetto nei commenti, per confrontarci.
Un abbraccio,
Giulia.

martedì 28 giugno 2016

BioProfumeria Emporio Natura Haul | Il Mondo di Ciulla |

Noi donne, quando c'è qualcosa che non va, reagiamo quasi tutte allo stesso modo: o almeno, c'è una fase che parecchie di noi mettono in atto.
Ovvero, quando si sta male dentro e c'è qualcosa che ci turba, ci sfoghiamo con lo shopping: e siccome in questo periodo vorrei solo staccare teste alterando il tutto tutto a qualche piantarello isterico, ci sto dando dentro con lo shopping!
Queste sono solo scuse apparenti, ma almeno mi fanno stare in pace con la coscienza: visto che per altre cose ho quasi fritto i 5 neuroni superstiti.
Anyway, avendo finito una mole di roba non indifferente (appena trovo coraggio, ci scrivo un articolo, croce sul cuore) ho deciso che era arrivato il momento di un bell'ordine: ma siccome volevo prendere TANTA ROBA senza dover vendere un organo al mercato nero, ho deciso di dilapidare la pecunia su BioProfumeria Emporio Natura.
Ammetto che non ero a conoscenza di questo sito, ma nei sporadici momenti in cui non ho niente da fare, leggo il gruppo BioHaul, fondato da quella genia di MissHaul nonché mia consorte da ormai tempo! 
Spinta dai numerosi post dei partecipanti, ho deciso di aprire il sito per curiosità: il passo da "guardo e basta" a "carrello la qualunque" è stato brevissimo, quindi mi sono ritrovata un carrello stracolmo di roba e nel giro di un'ora ho piazzato l'ordine.
BioProfumeria Emporio Natura nasce come negozio fisico, con sede a Parma, ma ha anche un e-commerce online dove potete ordinare comodamente da casa: oltretutto, ha tantissimi marchi interessanti e a prezzi molto vantaggiosi!
Ho acquistato 14 pezzi, ed usufruendo di uno sconto trovato appunto su BioHaul, ho speso solo 50 euro!
Il brand che mi ha spinto a voler fare un ordine, è Organic Shop: un marchio che ha cosmetici dal prezzo veramente vantaggioso, con profumazioni interessanti.
C'è da dire che non mi aspetto una qualità altissima, anche perchè ho acquistato principalmente scrub e saponi, ma non mi precludo nulla ancora.
La cosa che colpisce subito, sono sicuramente i pack coloratissimi ma puliti: mi piace quando fin dall'etichetta riusciamo a capire cosa c'è all'interno della confezione.
Ho deciso di acquistare due saponi per le mani: spesso non ci si fa caso, ma io non riesco ad utilizzare quelli commerciali, perchè mi irritano e mi screpolano le mani da morire, ma se la devo dire tutta, i saponi naturali e biologici per le mani costano veramente troppo e dato che lavo le mani in continuazione non posso spendere 15 euro al mese per i saponi mani.
Questi hanno un prezzo veramente vantaggioso, 3,20 € per 500 ml e sono presenti all'interno anche degli estratti di piante e fiori derivanti da agricoltura biologica.
Ho deciso poi di prendere alcuni Bagnoschiuma, che ho avuto modo di odorare e hanno delle profumazioni molto particolare e secondo me anche persistenti: questo potrebbe essere però, un fattore a sfavore per le pelli che poco tollerano i profumi molto forti o comunque artificiali, anche se le formulazioni sono molto delicate e con estratti di piante derivanti da agricoltura biologica!
Ho preso poi una vagonata di Scrub, sia piedi che corpo, perché d'estate ne faccio un uso smodato (anche se non vado al mare) per favorire il ricambio cellulare e non distruggermi le gambe quando mi depilo, follicolite sto parlando proprio di te.
La cosa che mi piace di questo marchio, sono i mix di profumazioni ed ingredienti: molto particolari ed interessanti, che sicuramente non sono del tutto naturali, ma per il prezzo che hanno trovo sia un ottimo compromesso, infatti anche qui i prezzi oscillano tra i 2 e i 3 €.
 Infine, visto che è dal Cosmoprof che non riesco a smettere di pensare a Natura Siberica e quanto sia stata una tonta a non comprare niente, non appena ho visto che Emporio Natura era un rivenditore (e non ce ne sono tanti, quindi altro punto a loro favore) ho deciso di prendere uno Shampoo per Cuti Delicate con tanto di certificazione ICEA ed una Crema Piedi, che sembra interessante perchè ha una formulazione eccellente.
Concludendo, visto che dovevo arrivare a 49 € e spicci per avere le spese di spedizione gratuite, ho ricomprato ancora la Cipria Indissoluble di PuroBio Cosmetics e l'Idrolato di Rosa Bio de La Saponaria, che utilizzerò prevalentemente come tonico viso o per fare qualche maschera all'argilla.
Ho ordinato domenica, ieri è stato spedito e oggi era già nelle mie mani: velocissimi nell'evadere l'ordine ma soprattutto nell'imballare tutti i prodotti. Il pacco era enorme, perché ogni pezzo era imballato singolarmente, con tanto di scotch per impedire versamenti di prodotti durante il trasporto.
Come prima esperienza con Emporio Natura non ho nulla da obiettare, penso proprio che questo sarà il primo di una lunga serie di ordini: anche perchè hanno tantissime marche che personalmente non ho mai sentito o che non riesco a trovare facilmente!
This entry was posted in